Chi sono gli Amici del Corni

Dal 1999

L'Associazione culturale "AMICI DEL CORNI" è nata nel 1999, è composta da ex-studenti e da ex-docenti degli istituti Corni, si fonda sul volontariato ed ha come obiettivo primario la giusta rivalorizzazione e il continuo sviluppo di quella importante cultura tecnico-professionale che per tutto il Novecento ha creato e amplificato le varie realtà della Modena industriale ed artigianale e che, purtroppo, oggi sembra non più interessare a molti nostri giovani condizionati da altri modelli scolastici e lavorativi che proiettano in altre direzioni.

1938 1.jpeg

Come lavorano gli Amici del Corni

Gli Amici del Corni sono impegnati soprattutto in tre direzioni:

  1. una funzione di raccordo tra il mondo della scuola e quello del lavoro, per potenziare la preparazione professionale e tecnica, nell’intento di salvaguardare il ricco patrimonio del sapere coniugato ad un abilissimo e competente saper fare che nella nostra Provincia è stato sempre ai primi livelli nazionali e internazionali con punte di grande eccellenza. La profonda conoscenza dei sistemi produttivi rende gli ex-alunni portatori di un sapere che si vuole trasmettere ai giovani studenti i quali, incontrandoli, hanno anche modo di confrontarsi con esempi concreti di successo lavorativo che possono diventare modelli da imitare in un’epoca difficile, come la nostra, che propone principalmente modelli di successo effimero.

  2. il recupero e il restauro storico-conservativo di macchine utensili e attrezzature dell’Ottocento e della prima metà del Novecento che documentano in modo tangibile la storia dell’artigianato e della industrializzazione in tutto il territorio della nostra Provincia. Gli oggetti del passato, come sostengono gli storici, assumono l’esemplare valenza di monumento-documento dell’umano cammino e sono veri beni culturali da salvaguardare. Essi, di fatto, sono il più grande archivio materiale di storia dell’umanità e pertanto sono un patrimonio di conoscenze e di identità da conservare e tramandare alle generazioni future.

  3. il recupero e la diffusione della storia degli Istituti “Corni” (che molti modenesi ignorano) e del fondatore Fermo Corni, imprenditore lungimirante, attento ai veri problemi della città, impegnato a dotare Modena di un centro di cultura tecnico-professionale all’avanguardia: non ha solo fondato la scuola, ma l’ha voluta gestita da presidi e docenti eccezionali.

Restiamo studenti per tutta la vita

( Prof. Tiziano Quartieri)

rice 3.jpeg

Alcune iniziative
dell'Associazione

Tra i PROGETTI già realizzati ricordiamo:

  • Pubblicazione di volumi di argomento storico-tecnico-scientifico.

  • Allestimento del MUSEO-LABORATORIO che propone al visitatore più di un centinaio di macchinari, attrezzature, impianti di fine Ottocento-Primo Novecento che gli Amici del Corni hanno salvato dalla rottamazione e hanno perfettamente restaurato con ripristino funzionale. Ogni oggetto restaurato è corredato da una scheda illustrativa e didascalica che ne indica la provenienza, l’anno di costruzione, l’uso, le finalità lavorative e le operazioni di restauro compiute. Si è, pertanto, arricchita Modena di un primo museo dell’industria/artigianato.

  • Collaborazione con gli Istituti Corni. Alcuni soci sono invitati a tenere lezioni presso le due scuole nell'ambito delle discipline previste. Con l'ITIS Corni si collabora anche per mostre e per iniziative in occasione della SETTIMANA della SCIENZA e della TECNICA che si svolge di solito a fine novembre.

  • Collaborazione con i Musei Civici di Modena per il ripristino funzionale di strumenti scientifici del Settecento e Ottocento.

  • Borsa di studio al migliore allievo di una classe terza, indicato dalla scuola, alternando annualmente l'ITIS e l'IPSIA. Si è scelta la classe terza e non la quinta proprio perché il premio sia vissuto come un incentivo a proseguire gli studi con serietà e senso del dovere.